Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Urti di dio’ Category

Il Matrimonio

Una delle mie amiche, che qui soprannominerò F.V. ovvero Fashion Victim, ha preso ad uscire con un tipo da un mese a questa parte.

La madre è da quando è nata la figlia che mette da parte i soldi per il suo matrimonio, le ha già preparato il corredo ed ora che sa che la figlia ha un maschio ha mobilitato la famiglia intera.

Per la cronaca, non hanno ancora consumato che già la madre sta organizzando la parte Politically Correct degli inviti nuziali.

“Figlia, ho chiamato la cugina Rosaria, si perché sai mi sto già organizzando per la parte monetaria del tuo matrimonio. Secondo lei ci vogliono un sacco di soldi, ma non preoccuparti ho già messo da parte un bel mucchio.”

“Figlia, ma se ti sposi con il tuo maschio la inviti la Zia di Roma?”

“Figlia, non mi rispondi???”

La madre chiama la cugina lontana al telefono.

“Rosaria, questa non vuole invitare la zia di roma, parlaci tu per favore!”

F.V. si vede arrivare la telefonata della parente lontana che conclude così la telefonata.

“O fashion, tu la devi invitare la Zia di Roma, ok? E non ne parliamo più. Ciao!”

Annunci

Read Full Post »

20110614-063215.jpg

Read Full Post »

Non riesco proprio a capire tutto quell’entusiasmo globale che questi giorni è stato riversato per le strade, per:

1) Il “Matrimonio del Secolo”

2) La Beatificazione del Papa morto

3) La presunta uccisione di Bin Laden

Saltando direttamente al punto 3, per evitarvi ulteriori attimi di incredibile noia dopo sto matrimonio e sta beatificazione del cazzo, mi chiedo se sono l’unica su questa terra a non credere alla morte di Bin Laden.

Ok. Mettiamo che è morto. ALLORA???

Ai voglia a trotterellare! Al Qaeda non è soltanto Bin Laden.

Sant’iddio svegliatevi!

Ps: per quelli che credono nella morte di OSAMA:

http://twitter.com/#!/GhostOsama

“Well this sucks…I accidentally enabled location on my tweets.”

Read Full Post »

Inland Empire è un film molto delirante di Lynch.

Dura 3 ore ed è insostenibile.

Mentre metto a posto casa, il Folle continua a guardare il film e allora gli chiedo di raccontarmi quegli ultimi lunghissimi 10 minuti a voce alta.

“Allora, lei ha sparato ad un uomo con la lampadina in bocca”

“Ora è comparsa la puttana con un buco nella fica che ha sulla spalla una scimmia che urla”

“Ecco, adesso c’è una che cammina con una gamba di legno”

“Non posso crederci! C’è la tettona di Molholland Drive!!!”

“Mentre sfilano un sacco di puttane c’è uno che taglia un albero con una sega e dietro di lui un rapper che suona il pianoforte…”

Titoli di coda…il Folle:

“Il rapper ha cambiato cappello e la scimmia ha smesso di urlare, ora ride.”

Non guardatelo.

MAI!!!!!!!!!!!

Ps: oggi ho raggiunto finalmente l’obiettivo degli 8 km di corsa… felicissima!!!

Read Full Post »

Proprio stamattina alcuni del gruppo si lamentavano:

“Proprio una bella pasquetta! Manco abbiamo organizzato di andar fuori! Niente di speciale!”

Alla fine, nel pomeriggio, durante la partita a beach volley… quasi ci scappa una rissa.

Giocavamo tranquilli, 3 contro 3 e a bordo campo c’erano una serie di stronzi che con le pance piene e parecchio ubriachi commentavano il nostro gioco così:

“Manco sapete giocare aòòòò! Mo veniamo a giocare noi, facciamo 6 contro 6, eddai fateci giocare essu….tanto voi non sapete giocare!!!”

Si avvicinano un pò di persone: “Eddai allora possiamo entrare in campo????? Su dai entriamo adesso l’ho deciso!”

Rispondiamo “FIniamo la partita e vi facciamo entrare”

“No!!!!! Vogliamo entrare adessooooooooo”

E inizia l’invasione di campo…

“Voglio giocareeeeeeeeeee!!!!!”

Ubriachissimo.

Si mette accanto a noi, ci prende per culo, “ahhhh hai sbagliato!!!! Ahahahah fatto beneeeeee! E fatemi entrareeeeeeeeeeee”.

Il problema è che anche gli amici e le mogli ci mettevano il carico:

“Eddai fate giocare sto ragazzooooo! fateci giocareeee”

La cosa ha infastidito i miei amici a tal punto che intuisco da una parte e dall’altra la MASCHIA voglia di fare una rissa.

Anticipo il tutto, e vado dal tipo pazzo.

“Senti, ora tu vai fuori dal campo se no ti fai male, poi come finiamo la partita vi lasciamo giocare ok?”

“Noooooo!!!!!!!! Ma perché??? Io non vado via. Io voglio giocareeeee!!!”

“No, tu ora esci se no non giochi neanche dopo. Se non esci cortesemente, chiamo il proprietario.”

“Ahahahah a me che mi fa il proprietario!!!! ahaahah!”

Vado a chiamare il proprietario che… è un tipo… rissoso.

Tanto che ho riconosciuto la cicatrice che gli lasciò tanti anni fa un drogato che infastidiva appunto il folle e amici…il capo si incazzò così tanto da prendere un ombrellone per spaccarlo in testa al tossico…solo che il tossico fu più rapido…e gli diede un cazzotto in faccia (cicatrice) e due calci sullo stomaco……….

Alla fine, mentre mi allontano rapidamente dal tipo che incazzato fa “Una femmina mi ha dovuto fare la romanzina, vi rendete conto!!!! Ma vi rendete conto?????”…arriva Piero il capo.

“Aooooo! Tu fuori capito? ESCI HO DETTOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!”

Il tipo esce, testa bassa, bordo campo, continua a prendere per culo, noi continuiamo con calma la nostra partita…arriva il proprietario del ristorante dello chalet.

“Oh, fateli giocà, se no questi vi ammazzano di botte…un consiglio da amico vi do… Guardate che quessi è perché sono ubriachi se no ègente rispettabilissima, avvocati, medici, ingegggggneri…”.

Come fosse una garanzia…

Allucinante.

Comunque alla fine niente rissa, abbiamo finito con mooooooolta calma la nostra partita, poi quelli volevano la nostra palla…

“Nono”- gli fa il folle con il severo gesto dell’indice.

“Eddaaaaaaaiiiiii la pallaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa ma che vi abbiamo fattoooooooooooooooooooooo lo fate appostaaaaaaaaaaaaa”

RIngrazio quel santo che ha fatto trovare un’altra palla a quei 4 coglioni, perché poi hanno giocato e non hanno più rotto le palle.

Ah, ovviamente erano delle schiappe!

Ps: mentre noi rischiavamo la rissa con quegli idioti… lungo la strada c’erano due gruppi che si rincorrevano con un martello e si pistavano di botte… NO COMMENT.

PS: E voi che avete fatto a Pasquetta?

Read Full Post »

Torniamo dall’arredatore per aggiornarci su siede-tavolo-mobile bagno.

Parliamo per 1 ora di cani.

Lui ha un cane e due gatti. Io due cani e un gatto quindi potete intuire che piega possa aver preso la conversazione nella prima ora.

Pensavo che i miei animali domestici fossero speciali.

Non sono assolutamente speciali, perché l’arredatore, che chiamerò Castagna, ha avuto:

1) un pastore tedesco femmina che per 13 anni ha mangiato (oltre a crocchette varie) a colazione biscotti ammollati in latte e caffè, a pranzo mezzo arancio, a cena l’insalata condita non con il solo olio ma anche con un pò di aceto altrimenti non la mangiava

2) ha un cane bastardino che ogni giorno, dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 13, va a fare pet terapy ad una coppia di sessantenni. Se rimane quei 5 minuti in più sgrida il padrone come un ossesso, abbaiando a più non posso

3) un gatto che trascorre la sua vita sul letto per quanto è grasso. Sul letto dorme, si annoia, mangia. Si alza solo per fare i bisogni. Non intende minimamente condividere il suo letto con il cane

4) un altro gatto che ha soltanto un dente, un canino e che per mangiare le crocchette le spacca prima con la testa

Cambio discorso.

Oggi leggevo su internet degli articoli sulle personalità nevrotiche.

Me ne colpisce in particolare uno, per la precisione nei dettagli e nella terminologia.

Lo leggo tutto d’un fiato trovandomi anche d’accordo con molte cose descritte quando arrivo alla conclusione, dunque CURA della personalità nevrotica:

“Scegliere Cristo e vivere secondo lo spirito santo”

“Sottomettetevi gli uni agli altri e vivete secondo il Cristo”

Read Full Post »

Sono mesi che la genitrice freme per il mio trasloco.

E’ così piena di gioia che ogni tanto mi chiama e mi fa:

“Ma che ti porti via pure questa lampada?”

“Ma ti porti via anche i libri?”

“Ma ti porti via questo quadro?”

“Ma ti porti via anche queste foto?”

“Senti, per caso ti porti via anche lo stereo?”

Il mio orgoglio di figlia femmina e unica si offende per cotanta gioia.

Allora ogni giorno che mi chiede se mi porto via qualcosa le rispondo con finta gentilezza:

“Mamma, a fine maggio non troverai più un mio solo oggetto dentro questa casa.”

Ed è solo a questo punto che esce soddisfatta dalla mia camera.

Ps: ho tanto bisogno di affetto, ho.

Read Full Post »

Older Posts »